Il Blog della Biodanza e non solo - Biodanza con Riccardo Cazzulo. Scuola Biodanza Liguria IBF


BIODANZANDO
Vai ai contenuti

Connessioni tra Psicologia Positiva e Biodanza (Parte 1)

Biodanza con Riccardo Cazzulo. Scuola Biodanza Liguria IBF
Pubblicato da in Articoli · 11 Maggio 2020
Tags: PsicologiaPositivaBenessereBiodanza
Sono entrato in contatto per la prima volta con la psicologia positiva nel autunno del 2010 durante il Festival della Scienza che si tiene tutti gli anni a Genova. Durante quella edizione il tema trainante del festival prendeva il nome di Orizzonti. Dopo una prima lettura del programma fui attratto dalla tavola rotonda dal titolo: Psicologia positiva, il nuovo orizzonte. Imparare la felicità? I relatori erano Luigi Anolli, Gian Vittorio Caprara e Chiara Ruini, la moderatrice Antonella Delle Fave, a questo  link l'abstract che si trovava sul programma del festival che ancora oggi conservo.

Il motivo principale del mio interesse per questa tematica era dovuto al fatto che occupandomi da parecchi anni di attività di gruppo rivolte al benessere attraverso l'utilizzo di Biodanza Sistema Rolando Toro avevo colto delle notevoli affinità tra gli scopi di questo sistema e quelli della psicologia positiva. Alcuni temi portanti della Biodanza risultano infatti essere il benessere, le relazioni positive con gli altri, lo sviluppo dei potenziali positivi degli individui, l'espressione di emozioni positive, la gioia di vivere e la felicità.

Successivamente durante il mio corso di laurea in psicologia ho approfondito lo studio di queste tematiche  che ho poi trattato nella mia tesi di laurea "Il Sistema Biodanza tra Psicologia di Comunità e Psicologia della Salute".

La psicologia positiva, formalizzatasi sul finire degli anni ’90, è una prospettiva scientifica molto recente che sta attualmente vivendo la propria fase di sviluppo e che rivolge il proprio interesse al benessere e alla realizzazione degli individui e della collettività piuttosto che ai loro problemi e alle loro sofferenze.
Da alcuni decenni ormai anche le discipline scientifiche come la psicologia, la sociologia e l’economia  hanno iniziato ad interessarsi sempre più dei temi relativi alla qualità della vita e al benessere. Grazie soprattutto a l’accrescimento delle risorse economiche e alla conseguente esigenza di soddisfacimento di bisogni di livello superiore una serie di nuovi valori sono entrati a far parte della vita delle persone. Sia i ricercatori che la popolazione in genere hanno iniziato ad interessarsi in maniera concreta a questioni relative a salute, benessere, partecipazione e qualità della vita e agli aspetti psicologici collegati.
Questo scenario ha favorito la nascita e lo sviluppo della psicologia positiva con lo scopo di favorire un cambiamento nella psicologia “in modo che, accanto allo studio di come riparare al peggio nella vita ci sia spazio anche per tutto ciò che rende la vita meritevole di essere vissuta: una scienza e una professione per comprendere e costruire quei fattori che permettono agli individui, alle comunità e alle società di fiorire e raggiungere un funzionamento ottimale” (Colombo & Goldwurm, 2010).

Secondo i principali esponenti della disciplina le aree di studio interessate risultano essere principalmente tre:
    • Le emozioni positive nelle quali viene inclusa anche la felicità
    • I tratti positivi: potenzialità, virtù e abilità, comprese quelle atletiche
    • Le istituzioni positive come la democrazia, la famiglia e la libertà di informazione.

Queste tre aree si influenzano a vicenda visto che le istituzioni positive supportano i tratti positivi che a loro volta sostengono le emozioni positive sia nei momenti di benessere che in quelli di crisi.
La psicologia positiva non vuole essere un nuovo movimento e neppure un nuovo paradigma, si tratta di una nuova prospettiva di studio e analisi del comportamento umano.
La nascita della psicologia positiva è stata ufficializzata da un numero monografico di American Psychologist del gennaio 2000, successivamente anche in Italia sono stati pubblicati numerosi articoli sulla rivista Psicologia della Salute.
Interessanti risultano essere alcune considerazioni di Delle Fave relative agli aspetti geografici della disciplina: “La scotomizzazione del positivo nel panorama psicologico internazionale è peraltro strettamente connessa alla caratterizzazione occidentale della disciplina. In altri contesti culturali non si è mai posto il problema di distinguere tra psicologia e psicologia positiva, essenzialmente perché non si è mai coltivata una visione negativa e patologica dell’uomo e della sua realtà sociale. Al contrario, la psicologia occidentale non ha mai studiato in modo sistematico le caratteristiche degli individui soddisfatti e delle comunità fiorenti; gli psicologi hanno solo una conoscenza frammentaria di ciò che renda la vita meritevole di essere vissuta e di come si possano sviluppare a livello ottimale le potenzialità individuali e collettive” (Delle Fave in Colombo & Goldwurm, 2010).

Il percorso formativo dell'insegnante (facilitatore) di Biodanza prevede dei moduli dove vengono approfonditi i cosiddetti "Aspetti psicologici di Biodanza" che in buona parte si basano sulle ricerche  e teorie psicologiche tradizionali.
Il mio impegno in questi ultimi anni è stato, e sarà, quello di continuare a studiare ed esplorare i temi della Psicologia Positiva mettendoli in relazione alla metodologia del Sistema Biodanza al fine di comprendere sempre meglio come facilitare condizioni di maggior benessere nei partecipanti.





IL BLOG BIODANZANDO
contiene articoli e informazioni sul mondo della Biodanza, della Psicologia Positiva, del benesessere e sulla visione olistica In generale
E' un sito che promuove gli eventi di Biodanza di Riccardo Cazzulo
organizzati da ASD CENTRO STUDI BIODANZA LIGURIA IBF
C.F. 95193910106
ALTRE RISORSE
CONTATTI
riccardocazzulo@gmail.com
339.5459651
Torna ai contenuti